Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


PIADINE CON STRUTTO (non sfogliate)

  • agosto 16, 2022
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità:
  • Tempo di preparazione: 1 ora e mezza
  • Tempo di cottura: 3 minuti
  • Misura stampo: Pentola piana o per piadine

  • E dopo la versione sfogliata non potevo fare quelle semplice e con lo strutto invece con l’olio di oliva. Poche accortezze e differenze che hanno reso queste piadine molto più morbidi, meno friabili e ancora più ricche di sapore.

    Una versione che mi è piaciuta moltissimo e che vi consiglio vivamente come alternative alle mie sfogliate. Sono certa che impazzirete anche per loro, inutile dirlo ma lo strutto fa davvero la differenza su questi impasti! Vedremo se lo noterete anche voi!

    Questa piada che vedete in foto l’ho farcita con un hummus di pesto e cannellini, una ricetta green della bravissima Gaia, su Instagram vi indicherò la sua pagina per poterla cercare e replicare! Ho aggiunto poi del salmone tagliato affumicato tagliato fine, pomodori sardi e feta. Una spolverata di pepe, un filo d’olio e… Goduria assicurata!!!

    Buonissima preparazione con… DOLCEZZA!!!


    DOSI PER 8 PIADINE DA 100 GR CIASCUNA:

    • 200 gr di farina di Tritoredum (io Molino Dallagiovanna)
    • 100 gr di farina di Kamut
    • 100 gr di farina di farro
    • 180 gr di kefir liquido (45%)
    • 30 gr di acqua (0,8%)
    • 160 gr di Licoli – va bene sia l’esubero che rinfrescato e inserito al doppio (35%)
    • 60 gr di strutto (15%)
    • 9,2 gr di sale (2,3%)

    PER CHI NON HA ESUBERO DI LIEVITO MADRE: sostituitelo con 1 grammo di Lievito di birra e aumentate di 60 grammi il kefir.

     


    1. Mettete nel boccale della planetaria tutti gli ingredienti ed azionate il gancio a foglia fino ad ottenere un panetto bello liscio. Mettete su un piano e pirlatelo leggermente, mettetelo in una ciotola coperto con pellicola a contatto. Lasciate riposare per 90 minuti. 
    2. Stagliate il vostro impasto in 8 panetti da circa 100 gr l’uno, tondeggiate ognuno di essi e lasciateli su banco coperti da pellicola trasparente per 30′. Dopo il relax stendete un panetto per volta senza infarinare il piano di lavoro, dovete ottenere una sfoglia molto sottile. 
    3. Preriscaldate la vostra piastra/padella a fuoco medio/basso, non deve essere aggressivo altrimenti la piadina seccherà. Stendete ogni pallina nella forma più tondeggiante possibile e molto sottile. Cuocete per circa 2 minuti in totale, girando da un lato e poi dall’altro. Proseguite con la seconda piadina e via dicendo. 
    4. Se non le consumate in giornata, una volta raffreddate, avvolgetele in pellicola trasparente e riponetele in frigo. 

    • Si conservano perfettamente per parecchi giorni, rimangono sempre molto morbide una volta rimesse in padella.
    • Se avete fretta potete anche non sfogliarle, stendete a matterello e cuocete.
    • Fatele rinvenire sempre a fiamma medio/bassa, mai aggressiva altrimenti le rinsecchite e bruciate.



    “Dopo queste, addio alle
    piadine comprate
    !”

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi

    ALTRE DELIZIE

    FILONCINI AI FICHI SECCHI

    FILONCINI AI FICHI SECCHI

    settembre 20, 2022
    DANESI A BARCHETTA

    DANESI A BARCHETTA

    settembre 11, 2022

    CERCA IN ORDINE ALFABETICO

    B C D E F G L M P r S T V
    ×