Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


PANCARRE’ AL POMODORO

  • giugno 12, 2024
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità: 2 Pancarrè
  • Tempo di preparazione: 2 ore + le lievitazioni
  • Tempo di cottura: 30/35 minuti
  • Misura stampo: 20x10x10

  • Ho perso il conto di quanti ne ho inventati di mille gusti diversi! E’ troppo divertente, ed è davvero troppo buono per non dar spazio ogni volta alla fantasia!

    Base solida solida non si cambia, è difatti sempre quella della mia amica Nicoletta Palmas e penso di non essere mai stata così tanto fedele a una ricetta in vita mia! Non oso mai cambiarla perchè è una garanzia, ne adoro troppo il risultato finale!

    Questa volta, complice la voglia di estate ho voluto creare un vortice colorato e ricco di sapore. La scelta è stata abbastanza scontata: concentrato di pomodoro!!!
    Di un buono pazzesco, il pomodoro lo sentirete in maniera evidente e spiccherà sul sapore solitamente neutro di questo prodotto.

    Vi consiglio difatti di fare due impasti distinti perché il pomodoro avrà una % alta per ottenere un risultato che non sia solo visivamente colorato. Se stagliate alla fine l’impasto e ne aggiungerete in minima quantità per non andare a slegare, giustamente, l’impasto il suo sapore non si sentirà e diventerà una cosa puramente estetica.

    Infine, se volete dare un tocco fluo per avere un colore rosso sì ma più brillante vi basteranno 3 gocce di colorante alimentare rosso.

    Buonissima preparazione con… DOLCEZZA!!!

     

     


    DOSI PER 2 PANCARRE’:

    Parte Bianca:

    • 320 gr di farina di Tipo 1 W300 (io Uniqua Gialla Molino Dallagiovanna) / potete sostituirla a una 0 o 00 ma di pari forza
    • 100 gr licoli maturo (30%)
    • 135 gr di latte fresco intero (42%)
    • 70 gr di acqua (22%)
    • 30 gr miele agli agrumi (10%)
    • 45 gr di burro bavarese (14%)
    • 7,5 gr di sale (2,3%)
    • 2 gr di malto diastatico (*si può anche omettere)

    Parte Rossa:

    • 320 gr di farina di Tipo 1 W300 (io Uniqua Gialla Molino Dallagiovanna) / potete sostituirla a una 0 o 00 ma di pari forza
    • 100 gr licoli maturo (30%)
    • 50 gr di latte fresco intero (15%)
    • 110 gr di concentrato di pomodoro (35%)
    • 55 gr di acqua (17%)
    • 45 gr di burro bavarese (14%)
    • 7,5 gr di sale (2,3%)
    • 2 gr di malto diastatico (*si può anche omettere)

    INOLTRE:

    • un uovo e un pò di latte per spennellare

    PER CHI USA LIEVITO DI BIRRA fare SOLO queste sostituzioni:

    • 165 gr di latte parte bianca – 75 gr di latte parte rossa
    • 1,5 gr di LDB per ogni impasto

    CON PASTA MADRE SOLIDA:

    • 280 gr farina per ogni impasto
    • 145 gr di pasta madre solida per ogni impasto


    1. Rinfrescate il vostro Licoli e fategli raggiungere il doppio del suo volume, o utilizzatelo come meglio siete abituati.
    2. PARTE BIANCA: mettete in impastatrice o in planetaria la farina quando al vostro lievito manca poco per raggiungere la maturazione desiderata. Inserite insieme a essa il latte intero a temperatura ambiente, l’acqua, il miele, il malto e il sale. Impastate fino a panetto compatto. Mettete l’impastino in un ciotola e fatelo riposare per 30 minuti.
    3. PARTE ROSSA:  vale la stesso identico procedimento, ci sarà il concentrato di pomodoro e viene omesso il miele. Copritelo anche lui per 30 minuti.
    4. Aggiungiate all’impastino BIANCO il Licoli e arrivate ad incordare l’impasto. Incorporate il burro a pomata poco per volta fino ad arrivare all’incordatura finale, l’impasto deve risultare setoso e liscio. Avvaletevi sempre della prova velo per verificare la maglia glutinica. Replicate alla stessa maniera con l’impastino ROSSO
    5. Mettete gli impasti su banco leggermente imburrato e dopo 10′ di relax date un giro di pieghe e formate i panetti, metteteli in due contenitori graduati distinti e leggermente imburrati e lasciateli lievitare fino al raddoppio (io in cella a 26°). 
    6. A raddoppio raggiunto sgonfiate i due impasti e stagliate ciascuno di essi in due parti uguali senza maneggiarli molto. Allargate prima la parte bianca, allungandola in maniera omogenea e cercate di creare un rettangolo di 40x25cm. In parte allargate alla stessa maniera la parte rossa e sovrapponetela a quella bianca, facendola ben aderire (altrimenti rischiate che si formino bolle di aria). Arrotolate dalla parte più corta in maniera stretta, potete decidere di sigillare le due estremità o lasciarle libere. Ripetete con gli altri due impasti. 
    7. Imburrate leggermente gli stampi da 20x10x10cm e adagiate i vostri pancarrè formati. chiudeteli con il coperchio e fate loro raggiungere il bordo (26°). 
    8. Sbattete un tuorlo con poco latte e spennellate la superficie del pane in cassetta. Preriscaldate il forno in modalità statica a 190° (o 170° ventilato) e cuocete per circa 20 minuti con il coperchio, sfilatelo poi senza togliere gli stampi dal forno e terminate la cottura a 10° meno per gli ultimi 15 minuti circa. Se avete un termometro a sonda sfornatelo quando raggiunge i 93/95° a cuore.
    9. Lasciatelo freddare su di una gratina, sformatelo e lasciatelo asciugare dall’umidità per un paio di orette prima di affettarlo.

    • E’ molto morbido e soffice e si conserva per diversi giorni anche senza bisogno di tostarlo per forza.
      Il mio dura sempre troppo poco per fare un test veritiero.
    • Conservatelo in una busta ermetica ben sigillata e in ambiente asciutto.
    • Ideale per Toast, Club Sandwich, tramezzini.



    “Il vortice pomodoroso che
    lo rende super estivo
    !

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi

    ALTRE DELIZIE

    CERCA IN ORDINE ALFABETICO

    B C D E F G L M P r S T V
    ×