Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


PANE CON FARINA DI TIPO 1

  • marzo 03, 2021
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità: 12 + persone
  • Tempo di preparazione: 28 ore totali circa
  • Tempo di cottura: 80 minuti
  • Misura stampo: Pentola di Ghisa

  • Semplicemente Pane. Ma nella sua essenza, bontà e genuinità. E non perchè sia semplicissimo da realizzare. Tutt’altro. O almeno un pane che abbia tutte le caratteristiche che per la mia visione debba avere, la cura fondamentale dall’inizio alla fine, i passaggi, le fasi da rispettare, le temperature, le lievitazione ecc non può considerarsi, a mio avviso, una passeggiata di salute.

    Eppure è pane, e tanti tutto ciò non lo comprendono affatto. Per questo in particolare ho fatto delle Storie molto scrupolose su Instagram, dove parlo dell’importanza delle temperature. Il come averle a una temperatura costante, non troppo basse ma nemmeno troppo alte, giochi a favore sull’intero processo. Vi invito quindi a visionarle, potrebbero esservi di aiuto per i vostri prossimi panificati, ovviamente ho fatto diverse prove applicate in precedenza frutto di alcuni studi.

    Il procedimento è veramente lineare, si tratta solo di cercare di avere la stessa temperatura ottimale di 26° dall’inizio alla chiusa in formatura del filone. Vi aspetto!

    Buonissima preparazione con… DOLCEZZA!!!


    DOSE PER DUE FILONI CHE DA COTTI AVRANNO UN PESO DI CIRCA 750/780 L’UNO:

    • 1 KG di farina ti tipo 1 a W380 (io Uniqua Blu Molino Dallagiovanna)
    • 770 gr di acqua (77%)
    • 200 gr di Licoli (20%)
    • 22 gr di sale (2,2%)
    • Semi misti se graditi

    1. Io ho iniziato al mattino con il rinfresco del licoli tenendolo a una TC (temperatura costante di 26 gradi). Per cui lho preso da frigo e lasciato un’ora a TA (temperatura ambiente) e rinfrescato con acqua a 32° per andare a raggiungere la temperatura desiderata.
    2. In impastatrice ho inserito la farina con il 70% di acqua a disposizione (700gr) riscaldata a 32° e lasciato in autolisi 2 ore e mezzo (nel frattempo che il licoli raggiungesse l’uno e mezzo del suo volume (e non il raddoppio).
    3. A licoli pronto lo verso in impastatrice e faccio lavorare a media velocità fino a che raggiungo l’incordatura. Continuo con l’acqua restante poco per volta (fermatevi prima se notate che comincia a sputare acqua, ogni farina è a se). Termino con il sale. 
    4. Ho chiuso a 24,5 gradi, non ottimale. Per cui ho fatto fare il relax non su banco ma in cella a 29° per 30 minuti. Si gioca sulle temperature per arrivare alla fine a quella ottimale. Ho poi eseguito stagliato in due parti uguali ed eseguito 4 serie di Slap & Fold distanziate 30 minuti l’una dall’altra. Ogni volta piegavo su banco ma poi mettevo il panetto in ciotola e lo riponeva in cella a 27°. Alla fine della fase pieghe il mio impasto era a 26°. 
    5. Ripongo la massa in contenitore graduato, dopo 30 minuti segno l’inizio e la fine della lievitazione, io gli ho fatto raggiungere il 70% avendo, in precedenza impiegato 2 ore per gli S&F (la lievitazione avviene anche in quella fase e con il raddoppio si andrebbe troppo oltre). Metto in lievitazione a 26° costanti. Il mio impasto ci ha impiegato 3 ore e mezzo. 
    6. Faccio una preforma semplice e lascio in relax 30 minuti su banco. Procedo con la formatura e metto nei cestini di lievitazione leggermente insemolati (storie IG per video forma e preforma). Lascio un’ora e mezza a TA e poi li ripongo in frigo per la maturazione (erano le 16.30). 
    7. Il giorno successivo (ore 11.00) preriscaldo il forno a 270° con pentola di ghisa e pirofila di acqua per vapore al suo interno per 40 minuti (fino a che non comincia a bollire e creare vapore). Procedo con l’intaglio e spruzzo acqua per fare aderire i semi (quello senza semi è solo con acqua spuzzata per creare tante bollicine) e inforno. 
    8. Cottura: 270° per 20″ con coperchio + vapore. 220° per 15″ via coperchio e vapore. 200° per 15″. 180° per 12″. 130° per 15″ con spiffero.
    9. E’ preferibile lasciarlo completamente raffreddare prima di tagliarlo. 

    • Conservatelo in sacchetti del pane di carta oppure in una paniera. L’importante è che siano ben chiusi e lontani da umidità.
    • Rimane morbido internamente e croccante fuori fino a 3 giorni, se non lo consumate tutto potete tagliarlo a fette e congelarlo.


    “Quel pane che mangeresti tutti i
    giorni senza stancarti mai

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi

    ALTRE DELIZIE

    PANCARRE’ AL POMODORO

    PANCARRE’ AL POMODORO

    giugno 12, 2024
    GARLIC BUTTER BREAD

    GARLIC BUTTER BREAD

    maggio 04, 2024

    CERCA IN ORDINE ALFABETICO

    B C D E F G L M P r S T V
    ×