Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


PANE ALLO ZAFFERANO CON SEMI DI PAPAVERO E DI SESAMO NERI

  • luglio 14, 2021
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità: 10 persone
  • Tempo di preparazione: 20 ore totali circa
  • Tempo di cottura: 80 minuti
  • Misura stampo: Pentola di Ghisa

  • Un pane che nell’ultimo annetto vedo tantissimo nella home di Instagram, mi ha sempre molto incuriosita in termini di sapore ma che non avevo ancora provato a fare fino a quando mi è stato regalato questo “oro” in polvere che già solo al profumo inebria l’olfatto e stimola l’immaginazione.

    Il gusto finale sorprende, ho sempre rimandato per paura fosse troppo invasivo e ai bambini non piacesse. Quanto mi sono sbagliata! Si sente e spicca sì, ma è un profumo e un gusto delicato e piacevole. Il più piccolo di casa se ne è uscito con: “mamma mi sembra di mangiare il risotto giallo” 😂 Bingo allora, visto che lo ama 🥳.

    Questo pane è stato fatto con la farina di tipo 2 Forte Antiqua di @bongiovannitorino che mi ha conquistata fin da subito. L’ho voluta usare senza tagliarla con altri tipi per capire cosa avevo sotto le mani (ho sempre utilizzato le loro farine a media forza). Beh, qualcosa di eccezionale, la maglia si è formata con una facilità straordinaria. Ho lavorato in tempi brevissimi, chiudendolo in pochi minuti e potevo andare tranquillamente oltre il 78% di idratazione. Un impasto morbido ma non appiccicoso, molto ben lavorabile e con un rapporto di elasticità/estensibilità straordinario in fase di formatura.

    Una W più alta mi ha permesso anche di aumentare le ore di appretto in frigo, sballatissime per il forte caldo. Un impasto che nei mesi freschi/freddi lascio a maturazione anche 18 ore con una W a media forza, ma che ora non porto oltre le 10, massimo 12 ore abbassando anche la temperatura del frigo a 2 gradi e mezzo.
    Sapevo bene che non avrei potuto cuocere entro tot ore e dopo 19 ore di frigo si è comportato egregiamente.

    Questo pane è stato fatto con la New Entry: il Licoli è quello di @lucalievitati che mi ha donato alla festa del grano e che io ho cominciato a rinfrescare con Antiqua Tipo 2 di media forza, un’altro tipo di gestione, cure più serrate e costanti, un altro colore, un’altra consistenza che sto imparando a conoscere e che profuma da impazzire, lo adoro! Bongio (questo il suo nome di battesimo) ve lo mostrerò nelle storie 😉
    .
    Dedico a @gaiabongiovanni queste pagnotte, una persona bellissima, che quando racconta e parla del grano e del suo molino gli si illuminano gli occhi di orgoglio e gioia, il suo entusiasmo è contagioso e a parlare è più il suo cuore, senza filtri. Grazie ancora per la giornata che mi hai fatto vivere 💕.

    Buonissima preparazione con… DOLCEZZA!


    DOSE PER DUE FILONI CHE DA COTTI AVRANNO UN PESO DI CIRCA 720 gr L’UNO:

    • 730 gr di farina di tipo 2 a W380 Antiqua Bongiovanni
    • 570 gr di acqua (78%) — Fredda se è estate
    • 130 gr di Licoli (18%)
    • 16 gr di sale (2,2%)
    • 0,45 gr di zafferano in polvere
    • Semi di papavero e di sesamo neri q.b.

    CON PASTA MADRE SOLIDA:

    • 665 gr farina
    • 570 gr acqua
    • 195 pasta madre solida

    CON LDB FRESCO:

    • 795 gr di farina
    • 635 gr acqua
    • 3 gr LDBF (oppure 1 gr se lo utilizzato per un poolish)

     


    1. Rinfrescate il vostro Licoli e portatelo al suo raddoppio o picco (dipende come siete abituati a gestirlo).
    2. In impastatrice inserite la farina e lo zafferano con il 71% di acqua (520 gr) e lasciato in autolisi 1 ora in frigorifero. Toglietelo dal frigo e fate altre 2 ore di autolisi a temperatura ambiente (questo per i mesi estivi, altrimenti tutte e tre le ore a TA vanno benissimo). 
    3. Aggiungete il Licoli pronto in impastatrice e fate lavorare a media velocità fino a mischiare il tutto. Lasciate riposare per 30 minuti. Aggiungete in un paio di volte l’acqua rimanente (50 gr, +7%) facendo un fermo macchina solo se necessario, infine il sale. 
    4. Io ho chiuso a 24 gradi, cercate di mantenere questa temperatura. Relax di 30 minuti su banco e laminazione, in questa fase ho stagliato i due panetti prima di stenderli. In fase di laminazione inserite i semi senza eccedere nelle quantità, il giusto. Quando richiudete internamente distribuitene altri (potrete vedere meglio le fasi nelle storie in evidenza su IG). Ho messo i due impasti in due ciotole distinte e lasciato in cella a 28° per 45″. 
    5. Eseguite due serie di Coil Fold (pieghe a spirale) a distanza di 45″ luna dall’altra, riponendo poi in cella sempre a temperatura costante a 26°. Eseguite il Coil successivo solo se trovate l’impasto rilassato e predisposto, altrimenti attendete ancora qualche minuto fino a quando ne avrà bisogno.
    6. Finito l’ultimo inserite in contenitore graduato (pesandolo nel mentre lo fate) per la lievitazione di massa a 26° costanti fino al raggiungimento del 50% del volume. La mia Bulk è stata di 4 ore e mezza da quando ho aggiunto il lievito.
    7. Ho formato senza preformare eseguendo dei semplici Fold & Roll.
    8. Lasciate per 25″ a temperatura ambiente (in estate, 45″ in inverno) ed mettete in frigo per l’appretto (maturazione) a 4 gradi costanti (in estate invece 2 e mezzo).
    9. Il giorno successivo preriscaldate il forno a 270° con pentola di ghisa e pirofila di acqua per vapore al suo interno per 50 minuti (fino a che non comincia a bollire e creare vapore). Procedete con l’intaglio e spruzzate acqua per creare in cottura tante bollicine e dare croccantezza, se li avete anche 2 cubetti di ghiaccio. 
    10. Cottura: 270° per 8″ con coperchio + vapore. 250° per 16″ con coperchio + vapore. 220° per 12″ via coperchio e vapore. 200° per 12″. 180° per 10″. 130° per 15″ con spiffero.
    11. E’ preferibile lasciarlo completamente raffreddare prima di tagliarlo. Perdita di peso: -22% entrambi. 

    • Usate uno zafferano di ottima qualità che ne esalti il sapore e il profumo.
    • Vi suggerisco di vedere i video su Instagram per capire meglio le fasi più delicati quali laminazione, pieghe e formatura.
    • Conservate il pane in sacchetti di carta e lontani da fonti di umidità.


    “Radioso, profumato
    e dal sapore unico

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi

    ALTRE DELIZIE

    PANCARRE’ AL POMODORO

    PANCARRE’ AL POMODORO

    giugno 12, 2024
    GARLIC BUTTER BREAD

    GARLIC BUTTER BREAD

    maggio 04, 2024

    CERCA IN ORDINE ALFABETICO

    B C D E F G L M P r S T V
    ×