Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


NIDI DI PANE PASQUALI AL BURRO SALATO E BASILICO

  • febbraio 25, 2021
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità: 6 nidi
  • Tempo di preparazione: 24 ore totali
  • Tempo di cottura: 40 minuti
  • Misura stampo: Pietra Refrattaria

  • Pasqua alle quasi porte, alla fine manca poco più di un mese ed è assolutamente giunta l’ora di tirare fuori dal cilindro idee nuove, a tema, simpatiche e sfiziose. Oltre, ovviamente, alle colombe per eccellenza. E io parto da loro, li trovo davvero carinissimi oltre che appetitosi allo stato puro!

    I nidi di Pane Pasquali. L’uovo è il simbolo della vita, quel passaggio che va dai mesi freddi al fiorire della primavera e della natura vegetale e animale. I fiori sbocciano, gli alberi si colorano di vivacità e i nidi si riempiono di uova per accogliere nuova vita. Questo simbolo è collegato alla Resurrezione come da tradizione cristiana.

    E perchè non portare anche sulle nostre tavole un simbolo tanto bello, significativo e anche super sfizioso? Io li preparo in versione mono porzione, in modo che ogni commensale abbia il suo panino a inizio pasto. Li servo insieme agli antipasti in modo che essi stessi lo diventino, ognuno sbuccia il suo uovo  e lo accompagna a una salsina di prezzemolo o basilico che metto accanto e lo completa con il suo pane al burro salato e basilico, esternamente croccanti e con un interno morbido, filante e profumato.

    Io non aspetterei oltre e farei una prova generale per la Pasqua che si avvicina, che ne dite? Buonissima preparazione con… DOLCEZZA!!!

    Una ricetta per l’eBook di Bernardi Impastatrici e il loro progetto pasquale #easterbaker.


    • 600 gr di farina di media forza (io Bertolo Piave a W260)
    • 390 gr di acqua (65%)
    • 120 gr di Licoli (20%)
    • 12 gr di sale (2%)
    • 42 gr di burro salato (io Lurpak) (7%)
    • 3 gr di basilico essiccato (0,5%)

    INOLTRE:

    • 6 uova dal guscio bianco
    • un torlo
    • 2 cucchiai di latte
    • semi di sesamo

    VERSIONE LDB:

    • 660 gr di farina a W260
    • 450 gr di acqua
    • 4 gr di LDB
    • Il resto rimane invariato

    1. Rinfrescate il vostro lievito e utilizzatelo al doppio del volume. Mettete le farine in autolisi insieme al totale dell’acqua per 90 minuti, i due elementi devono essere solo mischiati e non impastati. 
    2. A Licoli raddoppiato aggiungetelo in impastatrice e fate lavorare a media velocità fino ad incordatura, l’impasto dovrà risultare teso e liscio. Fate la prova velo. 
    3. A questo punto aggiungete in più riprese il burro a pomata, non deve essere freddo mi raccomando. Incorporatelo all’impasto e in ultimo aggiungete prima il basilico ed infine il sale facendo distribuire uniformemente. 
    4. Trasferite su banco la massa e lasciatela in relax per 30 minuti. Eseguite due serie di Slap & Fold a distanza di 30 minuti l’una dall’altra. A questo punto mettete l’impasto in un contenitore graduato, lasciatelo distendere per mezz’ora e segnate il punto di partenza e quello di arrivo che deve essere del +70% del volume (es.: 100gr deve raggiungere i 170gr) e NON il raddoppio. Lievitazione di massa a 26° costanti, non superate mai i 28°. Se non avete una cella piuttosto lasciate a TA e allungate i tempi ma evitate di surriscaldare l’impasto, avrete altrimenti difficoltà a lavorarlo successivamente. 
    5. Nel frattempo cuocete le uova, non dovranno essere perfettamente sode per cui mettetele in un pentolino con acqua fredda e calcolate 5 minuti esatti da quando accendete il gas. Scolatele, asciugatele e fatele raffreddare. (P.S.: potreste anche colorarle se vi aggradano lasciandole per una notte intera in acqua colorata).
    6. Versate su banco l’impasto lievitato e stagliate in pezzi da 150 gr l’uno. Allungate ogni singolo pezzo a circa 40-45 cm e attorcigliatelo su se stesso. Unite le due estremità e giratele tra di loro come a formare una treccia a due ceppi. A questo punto posate l’uovo su una leccarda rivestita da carta forno e girate intorno ad esso l’impasto intrecciato formando appunto il classico nido. Teneteli distanti l’uno dall’altro perchè in cottura si allargheranno. Io ho messo 3 nidi per teglia. 
    7. Lasciate lievitare per due ore e mezzo a 27/28° gradi costanti, o comunque fino a che, visivamente parlando, li vedete cresciuti e gonfi.
    8. Preriscaldate il forno statico a 210° per 30″ con bacinella di acqua per il vapore sul fondo. Mischiate un tuorlo con due cucchiai di latte e spennellate solo i nidi, no l’uovo. Cospargete di semi di sesamo dorati se li gradite. 
    9. Cuocete i nidi possibilmente mettendo la teglia su pietra refrattaria (se non l’avete va bene la leccarda del forno) per 30-35 minuti, fino a leggera doratura.
    10. Fate ben raffreddare su di una gratina prima di servirli.

    • Questi panini andrebbero consumati nel giro di breve tempo, per via dell’uovo. Entro le 24 ore. Il pane ovviamente si mantiene più a lungo. Per quello che io li cuocio la mattina di Pasqua per servirli poi a pranzo, a ogni commensale il suo panino che faccio uscire con gli antipasti.
    • Su Instagram troverete dei video e indicazioni nelle storie in evidenza.


    “Un pane simbolo  della Santa Pasqua
    sulle nostre tavole

    Ci vuole dolcezza

    Magda

     

    Condividi

    ALTRE DELIZIE

    PANE MISTO SEMOLA

    PANE MISTO SEMOLA

    maggio 11, 2021
    PANE AL POMODORO

    PANE AL POMODORO

    maggio 07, 2021
    ×