Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


GIRELLE DI PASTA BRIOCHE CON GOCCE DI CIOCCOLATO

  • Difficoltà:
  • Quantità: 20 pezzi
  • Tempo di preparazione: 45 minuti preparazione e 2 ore e mezza totali di lievitazione
  • Tempo di cottura: 15 minuti a infornata
  • Misura stampo: ---

  • Le girelle di pasta brioche con gocce di cioccolato sono una vera prelibatezza alla francese grazie al loro burro morbido come farcia e alle goccine che completano il tutto.

    Sono un vero concentrato di energia salutare, ideali per rifornirsi al mattino presto in vista di una giornata lunga di studio o di lavoro o semplicemente per un’ottima e dolce colazione in piena tranquillità alla domenica.

    Solitamente li preparo sempre nel fine settimana per i tempi di lievitazione medio/lunghi richiesti, con tutta calma verranno ancora più belli, precisi e buoni. Non fatevi spaventare dalla doppia lievitazione e dai tempi perché, oltre a quello, la preparazione in sé è davvero semplice.

    Conquisteranno per la loro morbidezza incredibile e per il gusto delicato, sono di gran lunga più buoni di quelle del bar. Provateli poco dopo averli sfornati, quando diventano tiepidi e vedrete dalla loro grande sofficità se non ho ragione!

    Una vera e propria goduria per i bimbi che ne andranno pazzi, entreranno nella loro top ten delle merende preferite e vi chiederanno spesso di rifarle. Sono un’ottima idea originale per le feste di compleanno, è garantito che saranno le prime a sparire!

    Non resta altro che ritagliarsi un po’ di tempo in cucina per se stessi e per far felici chi amiamo con questa vera e propria slurperia da creare e da regalare, sempre con… DOLCEZZA!

    Buona preparazione in tutta calma!


    PER L’IMPASTO:

    • 250 gr farina 00
    • 250 gr farina di Manitoba
    • 250 gr latte fresco intero
    • 80 gr zucchero finissimo
    • 60 gr burro morbido
    • 20 gr lievito di birra fresco
    • 1 uovo intero
    • 1 cucchiaino di sale
    • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia o i semi di una bacca intera

    PER LA FARCIA:

    • 60 gr di burro a pomata
    • 100 gr gocce di cioccolato fondente
    • 3 cucchiaini di zucchero di canna

    PER LA LUCIDATURA:

    • 1 tuorlo grande
    • latte q.b.

    1. Cominciate la preparazione di questo dolce scaldando il latte, deve essere tiepido il giusto e non eccessivamente caldo. In poco di esso sciogliete il lievito di birra con molta cura nel far si che non rimangano pezzetti non gliolti.
    2. Setacciate le farine e mettetele nella ciotola della planetaria insieme allo zucchero, al latte con il lievito sciolto, al restante latte e all’estratto di vaniglia iniziando ad impastare con il gancio ad uncino a velocità 1.
    3. Quando gli ingredienti si sono ben mescolati tra di loro aggiungere l’uovo leggermente sbattuto e il pizzico di sale. E’ normale vedere l’impasto divedersi e ammollarsi ma dopo una decina di minuti tornerà ad essere elastico e incordato perfettamente all’uncino.
    4. Proseguite aggiungendo il burro morbido fatto a pezzettini. Importante farlo inserendo un cucchiaino alla volta, quando sarà ben assorbito dall’impasto aggiungerne un altro e cosi via fino alla fine. Questo passaggio richiede 10 minuti abbondanti. 
    5. Mettete il panetto a lievitare in una ciotola leggermente infarinata e copritela con un panno di cotone umido. Lasciatelo in forno con la lucina accesa a 30° per due ore.
    6. Mezz’ora prima della fine della lievitazione togliete il burro per la farcia del frigo per farlo ammorbidire. Trascorsa la mezz’oretta lavoratelo con una spatola e diventerà una pomata, come una crema morbida, appunto, da spalmare.
    7. Trascorse le due ore il panetto sarà quadruplicato di volume. Mettetelo su una spianatoia grande e ben infarina e lavoratelo con le mani per pochi minuti. 
    8. Con l’aiuto di un mattarello grande stendete la pasta brioche cercando di darle una forma grossolanamente rettangolare, deve essere più lunga che tondeggiante e con uno spessore di 3 millimetri. 
    9. Con una spatola distribuite il burro a pomata su tutta la sfoglia ottenuta, aggiungete lo zucchero di canna grezzo e le gocce di cioccolato in modo uniforme. 
    10. Arrotolate la brioche nel senso del alto più lungo e tagliate le girelle di circa 2 centimetri di spessore, ne verranno circa 20/22. 
    11. Adagiatele su una teglia ricoperte da carta forno ben distanziate tra di loro, io ne metto 7 per teglia. Lasciatele a riposare e a lievitare per 30 minuti. 
    12. Trascorso il tempo indicato le vedrete belle gonfie e soffici. Spennellatele con il tuorlo d’uovo e poco latte sulla superficie e per tutto il loro spessore. 
    13. Infornate in forno statico a 180° posizionandole a metà esatta per 15 minuti, finché le vedrete belle dorate. Non proseguite troppo la cottura, basta un attimo per farle diventare troppo scure e di conseguenza decade la loro sofficità interna che le caratterizza.

    • Questa pasta brioche si conserva per diversi giorni in contenitori ermetici ben sigillati. Se portati fuori casa nelle buste di plastica sempre con la siglillatura.
    • Dopo le 24 ore per averli sempre soffici scaldarli in forno in modalità ventilata a bassa temperatura (120°) per 5 minuti.
    • Potete congelarle una volta raffreddate togliendoli dal frizzer la sera prima per la colazione del giorno successivo, o comunque 5/6 ore prima di consumarle.
    • Buonissima anche nella versione con crema pasticcera e uvetta.


    “Un vortice soffice di golosità “

    Ci vuole dolcezza
    “cuoricino”
    Magda

    Condividi
    ×