Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


FOCACCIA ALLA ZUCCA E SEMI MISTI A LUNGA MATURAZIONE

  • novembre 10, 2020
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità: 28 cm + una da 22 cm
  • Tempo di preparazione: 8 ore + maturazione di 72 ore
  • Tempo di cottura: 20-25minuti
  • Misura stampo: leccarde forno

  • Amo la zucca, ormai lo sapete. La metto ovunque sia in preparazioni dolci che salate. E, ovviamente una bella focaccia non poteva mica mancare.

    Tra l’altro non era una zucca molto arancione ma piuttosto spenta e di conseguenza anche l’impasto risultava smortino diciamo. Ma con mio grande stupore poi ne è uscito un risultato bellissimo, solare e brillante! Oltre il gusto e l’alveolatura che mi hanno letteralmente stupita!

    Stupita anche perchè ho scordato l’impasto in frigo 24h in più del dovuto e quando l’ho visto mi è preso un colpo!!!

    E chi pensava che uscisse così? Ancora meglio del solito, poi io la amo sottile e croccante per cui non potevo chiedere di meglio! Ovviamente delle farine utilizzate a forza elevata hanno contribuito a tutto ciò, una maturazione lenta che ha giovato l’impasto di gran lunga.

    Ho scelto un condimento in pieno mood autunnale ma nulla vi vieta di stenderla normalmente e infornarla solo con un’emulsione di acqua, olio e sale. Come la preferite.

    Buonissima preparazione a tutti con DOLCEZZA!!!


    • 640 gr Uniqua Blu Molini Dalla Giovanna a W380
    • 160 gr Uniqua Gialla Molino Dalla Giovanna W300
    • 160 gr di Licoli rinfrescato
    • 40 gr di Olio EVO
    • 320 gr di acqua
    • 320 gr di purea di zucca
    • 18 gr di sale
    • 80 gr di semi misti a piacimento

    EVENTUALE CONDIMENTO:

    • Broccoli a vapore q.b.
    • Funghi porcini cotti in un filo di olio e aglio q.b.
    • Sale grosso q.b.
    • semi misti q.b.

    SALAMOIA:

    • 120 gr acqua
    • 3 cucchiai di olio EVO
    • 2 cucchiaini di sale

    1. Per prima cosa cuocete a vapore la zucca e riducetela a purea, va bene anche la lessatura o cottura in forno. lasciatela raffreddare. Il Licoli deve essere usato al precollasso, regolatevi con le tempistiche del vostro lievito. 
    2. Sciogliete a questo punto il Licoli in 240 gr di acqua girandolo con una frusta a mano, inserite l’olio e girate anch’esso.
    3. Inserite nel boccale dell’impastatrice tutta la farina, la purea di zucca e il composto di acqua, olio e lievito. Azionate a velocità 3. Se usaye la planetaria utilizzate il gancio a uncino a velocità 4.  
    4. Una volta raggiunta l’incordatura aggiunte la restante acqua poco per volta fino a che la massa riesce ad assorbirla. Questo perchè la zucca è già acquosa di suo ma ogni zucca ha una % più o meno alta e di conseguenza l’acqua in questa fase potrebbe essere giusta, poca o troppa. Regolatevi.
    5. Terminate con il sale e i semi misti scelti. 
    6. Mettete la massa su di un piano leggermente oliato e lasciate in relax a cielo aperto per 20 minuti. Con queste grammature potete fare un’unica focaccia che verrà sicuramente alta oppure dividere l’impasto in due parti come ho fatto io. Io ne ho stagliata una da 1 chilo e un’altra da 725 gr. Volontariamente per averle più sottili e croccanti. 
    7. Procedete poi agli slap & fold. A me ne sono bastate due serie distanziati 20 minuti l’uno dall’altro. A questo punto mettete i panetti in contenitori graduati, lasciateli un’oretta a temperatura ambiente per far partire la lievitazione ed infine segnate il punto di partenza della lievitazione. Metteteli in frigo per almeno 48 ore, io 72. 
    8. Passate le ore di maturazione fate lievitare l’impasto fermandovi poco prima del raddoppio a 26° costanti.
    9. Spolverate il piano di lavoro con della semola o della farina 00 aiutandovi con un colino a rete, metteteci sopra l’impasto e cospargetelo di altrettanta farina. Allargatelo con la mani fino a formare un rettangolo grande tanto quanto la vostra teglia. Con i polpastrelli formate i classici buchi della focaccia.  
    10. Oliate la teglia e adagiatevi l’impasto aiutandovi con il braccio. In questo modo la parte che sul piano di lavoro era rivolta verso l’alto adesso si ritroverà sulla base della teglia. Fate pressione ancora con le punta delle dita per creare tante fossette. Lasciate riposare un’ora.
    11. Preparate la salamoia mischiando acqua, olio e sale, fate ben sciogliere quest’ultimo. Pigiate ancora un pò per creare altre fossette ed infine con un pennello cospargete bene tutta la focaccia riempiendone bene i buchi. Condite a piacimento. Lasciate un’ultima ora a riposo. 
    12. Preriscaldate il forno in modalità statica alla massima temperatura consentita per 30 minuti. Prima di infornate date una spolverata di sale grosso e terminate con il rosmarino. 
    13. Cuocete la focaccia nel ripiano più basso del forno per 15 minuti, coprite poi la superficie se la vedete già bella dorata e proseguite per altri 8-10 alla temperatura di 210 gradi. Verificate che anche la base sia ben cotta.

    • Se non la consumate tutta subito conservate la focaccia in sacchetti di carta oppure in quelli plastificati con chiusura ermetica.
    • Tagliatela e servitela tiepida, viene esaltata più che mai.
    • Potete congelarla una volta raffreddata.



    “Una focaccia con tutti i sapori
    e profumi dell’autunno

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi
    ×