Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


PANCARRE’

  • novembre 25, 2020
  • by
  • Difficoltà:
  • Quantità: 6/8 persone
  • Tempo di preparazione: 2 ore + la lievitazione
  • Tempo di cottura: 35 minuti
  • Misura stampo: 20x10x10

  • Una scoperta fantastica, una cosa che ho rimandato per molto tempo e il perchè non lo so nemmeno io. Forse per dare spazio a pane o dolci lievitati più complessi, non saprei nemmeno io. Un pò come la famosa Galette due anni fa che quasi addirittura snobbavo e adesso è diventato praticamente il dolce quotidiano in casa mia. Bene, il pancarrè farà la stessa identica fine, anzi l’ha già fatta perchè ho dovuto replicarla esattamente 24h dopo siccome bello che finito in un lampo.

    Ovviamente è stato esplicitamente richiesto da parte di tutta la family di non comprare più pancarrè e pan bauletti vari, chissà come mai non avevo alcun dubbio in merito!

    Questo pancarrè l’ho spudoratamente scopiazzato dalla bravissima Nicoletta Palmas, lo trovate difatti anche sul suo splendido Blog Bread and Butter che vi consiglio vivamente di curiosare per immergervi in un modo di lievitati dolci e salati meraviglioso, pare che ne esca il profumo! Io ho solo sostituito l’acqua con il latte e utilizzato della farina di tipo 1.

    Profuma di buono e di semplicità, si scioglie in bocca e da tostato poi con burro e marmellata beh, che ve lo dico a fare, la fine del mondo! Ovviamente di un buono incredibile per i classici toast prosciutto/formaggio, per dei french toast, per delle tartine con il salmone e quant’altro.

    Non è nemmeno complesso e anche abbastanza rapido tempisticamente parlando, vedrete che come me una volta provato non lo abbandonerete mai più!

    Buonissima preparazione amici miei con… DOLCEZZA!!!

     


    • 285 gr farina 1 (io Uniqua gialla a W300 Molino Dallagiovanna)
    • 80 gr licoli pronto
    • 180 gr latte fresco intero
    • 15 gr zucchero bianco semolato fine
    • 6 gr sale
    • 25 gr di burro morbido
    • Un tuorlo e un pò di latte per spennellare

    1. Mettete in impastatrice o in planetaria la farina, il latte, lo zucchero e il sale. Impastate fino a panetto compatto. 
    2. Coprite l’impastino e fatelo riposare per 30 minuti. 
    3. Aggiungiate all’impastino il Licoli e arrivate ad incordare l’impasto. A questo punto incorporate il burro a pomata poco per volta fino ad arrivare all’incordatura finale, l’impasto deve risultare setoso e liscio. Avvaletevi sempre della prova velo per verificare la maglia glutinica. Date un giro di pieghe e formate il panetto. 
    4. Mettete l’impasto in un contenitore graduato e leggermente imburrato e lasciatelo lievitare fino al raddoppio (io in cella a 26°). 
    5. A questo punto sgonfiate l’impasto e dividetelo in 3 parti uguali da circa 190/200 ciascuna e formate le palline. Stendete le palline in un piccolo rettangolo e arrotolatele, girate a 90° e ripetete l’operazione due volte fino ad ottenere una pallina, pirlatela ma non eccessivamente. Fate la stessa cosa con le 2 parti restanti (video tutorial sulla mia pagina Instagram @dolcementeconmagda).
    6. Imburrate leggermente lo stampo e adagiate le tre palline. Copritelo e mettete in lievitazione a 25-26°, fatelo arrivare a bordo dello stampo (il 90%). 
    7. Sbattete un torlo con poco latte e spennellate la superficie del pane in cassetta. Preriscaldate il forno in modalità statica a 180° e cuocete per circa 35-40 minuti, se avete un termometro a sonda sfornatelo quando raggiunge i 92° a cuore. 
    8. Lasciatelo freddare prima di tagliarlo a fette.

    • E’ molto morbido e soffice e penso si conservi per diversi giorni anche senza bisogno di tostarlo per forza. Il mio dura sempre troppo poco per fare un test veritiero.
    • Conservatelo in un porta pane oppure in una bista di cellophane ben sigillata.


    “Se lo provate non lo
    abbandonerete mai più

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi
    ×