Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


FOCACCINE AL FARRO

  • Difficoltà:
  • Quantità: 9-10 pezzi
  • Tempo di preparazione:
  • Tempo di cottura: 25 minuti
  • Misura stampo: ---

  • Avevo rinfrescato il mio Arturo per il pane del giorno dopo e nel vaso era rimasto un esubero. Siccome il tempo c’era e buttarlo via mi dispiace sempre troppo inizialmente ho pensato di farci dei crackers. Ma poi come un flash mi sono saltate alla mente le meravigliose focaccine integrali che settimana scorsa ho visto dalla mia amica Sonia @sonietta_gipsysoul, anche lei Licolista seriale! Le dissi che le avrei spudoratamente scopiazzato la ricetta, e così ho fatto perché avevano un aspetto che poteva dire solo una cosa: “mangiami subito”!

    E così ho fatto, ho davvero seguito la sua ricetta con esubero facile e veloce ma dal risultato eccellente! Morbidissime e soffici come non mai, inutile dire che è diventata la nostra cena insieme a qualche buon salume, dei formaggi francesi e due belle e fresche bollicine. Quando dico che basta davvero poco per essere felici e appagati, intendo anche questo. Semplicità, armonia e genuinità in ciò che mangiamo, e non solo.

    L’unica variante che ho fatto rispetto alla ricetta di Sonia riguarda la farina, ne avevo una di farro che mi ha regalato da provare un molino e devo dire che è risultata davvero speciale, con quella rusticità e poca raffinatezza che io amo e cerco sempre di più. Le ho infine arricchite con olive verdi e nere e qualcuna con dei datterini sodi e dolcini al punto giusto. Una spolverata di erbe aromatiche e poco sale grosso e il gioco è fatto!

    Immaginatele con un aperitivo estivo tra amici accompagnate da uno spritz o un bel Franciacorta. Oppure per un barbeque dove disporle in centro tavola e accompagnarle a delle verdure grigliate. Tanto colore e sfiziosità. Fanno tanto estate e cose belle.

    Buonissima e divertente preparazione amici miei con… DOLCEZZA!!!

     


    • 240 gr farina di Farro
    • 100 gr semola rimacinata di grano duro
    • 150 gr di esubero di Licoli (senza rinfresco)
    • 220 gr acqua fredda
    • 15 gr olio extra vergine di oliva
    • 8 gr sale

    INOLTRE:

    • 15 olive verdi ca
    • 15 olive nere ca
    • 12 pomodorini ca
    • aromi a piacere (io salvia e basilico)
    • sale grosso qb
    • 3 cucchiaini di olio con poca acqua per spennellare

    1. Lasciate acclimatare il vostro Licoli fuori dal frigo per circa 30 minuti.
    2. Mettete nel boccale della planetaria l’acqua e scioglieteci il Licoli girandolo con una frusta a mano. 
    3. Inserite la farina di farro e la semola e azionate il gancio a foglia, fatelo lavorare a velocità 3 fino a che il tutto sia sia ben unito. 
    4. Inserite anche l’olio a filo e appena si incorda terminate con il sale (ci vorranno non più di 10 minuti).
    5. Fate una serie di pieghe direttamente nella ciotola della planetaria, lasciate in relax 10 minuti e fate un’ultima piega a 3 sul piano di lavoro.
    6. Mettetelo in contenitore graduato e attendete il quasi raddoppio. Io l’ho messo in forno con lucina accesa perché volevo mangiarle per cena e ho cominciato la preparazione nel primissimo pomeriggio (ci ha impiegato 4 ore e mezza). Se cominciate al mattino potete lasciarlo a temperatura ambiente.
    7. A questo punto fate lo staglio, io ne ho ricavate 9 da circa 75-80 gr l’una. Potete farle anche più piccine volendo.
    8. Mettete la porzione di impasto stagliato su di una teglia rivestita da carta forno cosparsa da un velo di semola. Spolveratela di semola e con la punta delle dita allargatela formando una focaccina rotonda. Fate cosi per tutte le focaccine e inserite infine le olive (no i pomodorini, quelle a loro destinate lasciate senza nulla).
    9. Mettete di nuovo in forno con la lucina accesa per 90 minuti a riprendere la giusta lievitazione.
    10. Inserite i pomodorini lavati, asciugati e tagliati a metà sulle focaccine rimaste vuote, spennellatele tutte con acqua mista a olio e cospargete un po’ di spezie e sale grosso. 
    11. Cuocetele in forno statico e preriscaldato a 210° per i primi 15 minuti ed infine a 190° per gli ultimi 10 minuti. Ponete la teglia a metà forno.

    • Conservate le focaccine in contenitori di plastica ermetici oppure nelle classiche buste del pane.
    • Noi le abbiamo terminate la sera stessa per cui non sarei affidabile nell’indicarvi la loro conservazione. Penso che per la loro sofficità almeno 3 giorni con una piccola riscaldatina nel forno si mantengano tali.
    • Potete anche congelarle una volta raffreddate e toglierle i mattino per il pranzo oppure nelle prime ore del pomeriggio per la cena.


    “Focaccine sfiziose e

    super veloci”

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi
    ×