Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


FOCACCIA ROMANA IN TEGLIA NO KNEAD

  • Difficoltà:
  • Quantità: 40x30 cm
  • Tempo di preparazione: 24 ore totali
  • Tempo di cottura: 30 minuti
  • Misura stampo:

  • Pensare che non volevo inserirla nel Blog e nemmeno pubblicarla. La mia idea era fare delle storie e metterle in evidenza. Ma effettivamente, anche se non ho foto professionali ma solo scatti fatti al momento prima che venisse tagliata e letteralmente divorata dai miei ospiti, questa focaccia merita un post perchè è davvero di una bontà pazzesca. E il sondaggio nelle stories parla chiaro: volete il post!!!

    Ho organizzato all’ultimo una grigliata per la domenica a pranzo con amici e parenti, era anche il compleanno del mio bimbo ma ancora non sapevo se il mio stato di salute me lo avrebbe permesso o meno. Grazie al cielo nei giorni sono migliorata e, cuore di mamma, un minimo ho fatto.

    Achille voleva o il pane o la focaccia (non goloso come me mica va a chiedermi la torta) e visto che era da un bel pezzo che non ne facevo una ho optato per la seconda. La prima volta che uso Iginio su una focaccia e anche qui mi ha lasciata a bocca aperta. Un No Knead che stupisce per il suo risultato finale. Leggera, morbida e super digeribile grazie alla lunga maturazione in frigo.

    Io solitamente la lascio maturare anche 72 ore se ne ho il tempo e decido in anticipo di prepararla, idem la pizza. Uso farine molto forti che permettono questo processo. A questo giro le ore sono state minori ma il prodotto finito ho constato che è stato il medesimo.

    Perdonatemi se le foto non sono il massimo, molto improvvisate e scattate dallo smartphone ma ho sfornato pochissimo prima di servire l’aperitivo. Non vi dico che libidine con una fetta di patanegra!!!

    Seguitemi in questo impasto diretto e fatemi sapere se replicherete se vi ha soddisfatto quanto a me.

    Mani in pasta con… DOLCEZZA!!!


    IMPASTO:

    • 560 gr farina a W 380-400 (io Bertolo) = 80% (615 gr se LDB)
    • 140 gr farina di tipo 1 a W 300 (io Uniqua Gialla Molino della Giovanna) = 20%  (155 se LDB)
    • 490 gr acqua freddissima = 70% (560 se LDB)
    • 140 gr Licoli rinfrescato = 20% (7,5 gr se LDB – anche meno con tempi più lunghi di lievitazione)
    • 35 gr Olio EVO = 5%
    • 15,4 gr sale = 2,2%

    PER LA SALAMOIA:

    • 120 gr acqua
    • 3 cucchiai di olio EVO
    • 2 cucchiaini di sale

    INOLTRE:

    • Pomodorini q.b.
    • Olive verdi q.b.
    • Rosmarino q.b.
    • Olio q.b.
    • Sale grosso q.b.

    1. Rinfrescate il vostro Licoli e utilizzatelo al pre-collasso e cioè quando implode al centro con tante micro bollicine. Iginio mi ha quintuplicato e per arrivarci ci ha impiegato 5 ore e mezzo (ho rinfrescato alle 8.00 del mattino e l’ho utilizzato alle 13.30). 
    2. In un boccale sciogliete il Licoli nell’acqua fredda girandolo con una frusta a mano, inserite l’olio e girate anche quello. Versate il tutto sulle farine mischiate in una ciotola molto capiente e mischiate con un cucchiaio grande. Quando cominciano a uniformarsi aggiungete il sale e finite di mischiare. Il tutto non deve essere impastato ma solo mischiato in modo che la farina sia tutta bagnata dai liquidi. Coprite con un canovaccio e lasciate un’ora a riposo a temperatura ambiente. 
    3. A questo punto oliate leggermente il vostro piano di lavoro ed eseguite gli slap & fold. In totale io ne ho fatti 4 distanziati di 30 minuti l’uno dall’altro. Il panetto finale deve presentarsi teso e non appicicoso, ben formato. Dopo l’ultimo slap & fold inserite l’impasto in un contenitore graduato. Per i video tutorial vi mando alla mia pagina Instagram dove li troverete in evidenza.
    4. Lasciatelo 1 ora a temperatura ambiente e prima di riporlo in frigorifero (a 4°) segnate il punto di partenza della futura lievitazione. Con le farine a W alta come quelle da me utilizzate potete andare dalle 12 alle 72 ore di maturazione in frigorifero. Io ho messo l’impasto in frigo alle 17.30 e alle 7 del mattino del giorno dopo l’ho estratto e messo a lievitare fino al raddoppio esatto a temperatura ambiente, il mio impasto ci ha messo 3 ore.
    5. Spolverate il piano di lavoro con della semola o della farina 00, metteteci sopra l’impasto e cospargetelo di altrettanta farina. Allargatelo con la pani fino a formare un rettangolo grande tanto quanto la vostra teglia. Con i polpastrelli formate i classici buchi della focaccia. 
    6. Oliate la teglia e adagiatevi l’impasto aiutandovi con il braccio. In questo modo la parte che sul piano di lavoro era rivolta verso l’alto adesso si ritroverà sulla base della teglia. Fate pressione ancora con le punta delle dita per creare tante fossette. Lasciate così un’ora. 
    7. Preparate la salamoia mischiando acqua, olio e sale, fate ben sciogliere quest’ultimo. Pigiate ancora un pò per creare altre fossette ed infine con un pennello cospargete bene tutta la focaccia riempiendone bene i buchi. Condite a piacimento con olive, pomodorini e rosmarino. Lasciate riposare un’altra ora a temperatura ambiente. 
    8. Riscaldate alla massima potenza il vostro forno in modalità statica cottura superiore-inferiore (io a 270°). Terminate con un filo di olio su tutta la superficie e del sale grosso. Infornate nella parte più bassa del forno per 25 minuti ed infine per ulteriori 5 minuti con cottura solo inferiore. Ogni forno è a se per cui regolatevi sulla cottura verificando che la base sia anche lei ben cotta. 

    • Se non la consumate tutta subito conservate la focaccia in sacchetti di carta oppure in quelli plastificati con chiusura ermetica.
    • Tagliatela e servitela tiepida, viene esaltata più che mai.
    • Potete congelarla una volta raffreddata.


      

    “Un No Knead che vi lascerà
    a bocca aperta

    Ci vuole dolcezza

    Magda

    Condividi
    ×