Mi presento.
Mi chiamo Magda e sono una ragazza con la la passione per la cucina, in modo particolare per i dolci in tutte le loro forme.
Sono una moglie e mamma di due splendidi bambini di 8 e 3 anni che adoro e ai quali ho dedicato tutta me stessa in questi anni.
Abbiamo vissuto per sei anni nella città di Lecco e nel 2016 ci siamo trasferiti in piena Brianza, in un piccolo paese vicino al fiume Adda. Uno dei miei sogni più grandi finalmente realizzato, la mia casina progettata e arredata nei minimi dettagli, con un bellissimo giardino, grandi vetrate e una cucina meravigliosa e su misura per la mia passione più grande.
Avendo ora del tempo in più da dedicare a me stessa ho voluto intraprendere questo progetto e aprire il mio blog per condividere ricette di ogni tipo con voi.
Il nome “Dolcemente con Magda” nasce dalla mia convinzione che con dolcezza qualsiasi cosa diventa migliore e in modo particolare cucinare con dolcezza rende tutto più buono e più appagante.
Quando cucino lo faccio sempre pensando a qualcuno, a fare qualcosa che lo renderà felice e soddisfatto, alla curiosità che avranno ad assaggiare e scoprire sempre qualcosa di nuovo.
Gli occhietti che ridono dei miei bimbi davanti alla loro ciambella al cioccolato al rientro da scuola è qualcosa di indescrivibile.
La frase che più mi rappresenta è senza dubbio questa:
“Si cucina sempre pensando a qualcuno altrimenti stai solo preparando da mangiare”

…. con dolcezza
Magda

R I C E T T A R I O


FOCACCIA INTEGRALE ALTA E SEMI DOLCE ALL’UVA FRAGOLA, NOCI PECAN E ROSMARINO

  • Difficoltà:
  • Quantità: 12+ persone
  • Tempo di preparazione: 18 ore totali circa
  • Tempo di cottura: 25 minuti
  • Misura stampo: 12x25 cm

  • Da quanto che aspettavo questo momento, il momento dell’uva! Quella dolce e succosa più che mai! Ammetto che mi piace tutta, l’importante è che il chicco sia bello sodo e crocchioso, la polpa corposa e dolce al punto giusto!

    E oltre che mangiarne a chili in ogni sua forma e colore a settembre di solito ci scappa sempre una schiacciata all’uva fragola che è a dir poco divina! Quest’anno però ho voluto fare qualcosa di un pò diverso che frullava nella mia mente già da un pò.

    In sostanza ho preparato un impasto per una focaccia semi integrale al quale ho aggiunto però anche un pò di zucchero, non eccessivo. Ho proseguito con i normali passaggi di pieghe e lievitazione per poi stenderla e solamente in superficie cospargerla di uva fragola dopo aver emulsionato con acqua e zucchero (invece della classica schiacciata che ne contiene anche internamente). Ho poi aggiunto le noci pecan pestate e ridotte in piccole parte e infine profumato con del rosmarino e una sforchettata di miele di castagno.

    Un risultato che mi è piaciuto molto perchè non risulta troppo dolce e ha quella punta di salato che la rende perfetta anche per essere accompagnata da formaggi saporiti ma anche più delicati, oltre al piacere di gustarla da sola in tutta la sua alta leggerezza e morbidezza, ovviamente.

    Qualcosa di insolito e che stupisce, ideale per un brunch o degli aperitivi insoliti e sfiziosi!

    Buonissima preparazione amici miei con…. DOLCEZZA!!!!


    IMPASTO:

    • 560 gr farina a W 380-400 (io Bertolo) = 80% (615 gr se LDB)
    • 140 gr farina integrale a W 380 (io Uniqua Rossa Molino della Giovanna) = 20%  (155 se LDB)
    • 490 gr acqua freddissima = 70% (560 se LDB)
    • 140 gr Licoli rinfrescato = 20% (7,5 gr se LDB – anche meno con tempi più lunghi di lievitazione)
    • 35 gr Olio EVO = 5%
    • 35 gr di zucchero bianco semolato finissimo = 5%
    • 14 gr sale = 2%

    PER LA SALAMOIA:

    • 100 gr acqua
    • 3 cucchiai rasi di zucchero

    INOLTRE:

    • Uva fragola circa 250 gr
    • Noci Pecan circa 50 gr
    • Rosmarino q.b.
    • Zucchero grezzo q.b.
    • Miele di castagno q.b.

    1. Rinfrescate il vostro Licoli e utilizzatelo al pre-collasso e cioè quando implode al centro con tante micro bollicine.
    2. Nel frattempo però mettete in autolisi le farine insieme a tutta l’acqua, deve essere tutta bagnata ma non impastata. Dopo un’ora a temperatura ambiente mettetela in frigo fino a quando il lievito risulterà pronto per essere utilizzato.
    3. A questo punto procedete all’impasto: mettete nel boccale della planetaria o dell’impastatrice l’impasto con il licoli e cominciate a far lavorare, una volta assorbito procedete con l’olio a filo e solo una volta incordato terminate con zucchero ed infine sale. Fate la prova velo per accertarvi della corretta incordatura. 
    4. Mettete l’impasto sul piano di lavoro e lasciatelo in relax per 20 minuti. 
    5. Passate ora a delle serie di slap & fold per rendere ben teso il vostro panetto, proseguite fino a che lo ritenete necessario ad intervalli di 30 minuti l’uno dall’altro. A me ne sono bastati due. 
    6. Dopo l’ultimo slap mettete il panetto in un contenitore graduato e lasciatelo a temperatura ambiente per 30 minuti. A questo punto segnate la partenza della lievitazione e ponetelo in frigorifero per 16 ore (se usate farine meno forti diminuite le ore di maturazione in frigo).
    7. Passate le 16 ore toglietelo dal frigo e mettetelo in luogo caldo ma non superiore ai 26-27 gradi a far raggiungere l’esatto raddoppio.
    8. Spolverate il piano di lavoro con della semola o della farina 00 aiutandovi con un colino a rete, metteteci sopra l’impasto e cospargetelo di altrettanta farina. Allargatelo con la mani fino a formare un rettangolo grande tanto quanto la vostra teglia. Con i polpastrelli formate i classici buchi della focaccia.
    9. Oliate la teglia e adagiatevi l’impasto aiutandovi con il braccio. In questo modo la parte che sul piano di lavoro era rivolta verso l’alto adesso si ritroverà sulla base della teglia. Fate pressione ancora con le punta delle dita per creare tante fossette. Lasciate riposare un’ora. 
    10. Preparate la salamoia mischiando acqua e zucchero, fate ben sciogliere quest’ultimo. Pigiate ancora un pò per creare altre fossette ed infine con un pennello cospargete bene tutta la focaccia riempiendone bene i buchi. Condite con i chicchi di uva fragola ben lavata e asciugata, le noci pecan sminuzzate e il rosmarino. Lasciate un’ultima ora a riposo. 
    11. Preriscaldate il forno in modalità statica alla massima temperatura consentita per 30 minuti. Prima di infornate date una spolverata di zucchero di canna o bianco grezzo e del miele a forchettate.
    12. Cuocete la focaccia nel ripiano più basso del forno per 15 minuti, coprite poi la superficie se la vedete già bella dorata e proseguite per altri 8-10 alla temperatura di 210 gradi. Verificate che anche la base sia ben cotta.

    • Se desiderate una focaccia piu bassa e croccante basta stenderla in una teglia più grande oppure fare due teglie. In quest’ultimo caso fate lo staglio prima di iniziare gli Slap & Fold
    • Se non la consumate tutta subito conservate la focaccia in sacchetti di carta oppure in quelli plastificati con chiusura ermetica.
    • Tagliatela e servitela tiepida, viene esaltata più che mai.
    • Potete congelarla una volta raffreddata.
    • Sul mio profilo IG troverete dei mini tutorial nelle storie in evidenza.


    “Soffice, speciale e particolare
    come non mai

    Ci vuole dolcezza

    Magda

     

    Condividi
    ×